No Sesso e la Città – Come un sondaggio rivela che il 75% delle donne si sposano per denaro.

No sex and the City.

As a survey reveals that 75 per cent of women would marry for money, our correspondent describes the pitfalls of life with a busy big earn.

 

L’undici gennaio ultimo scorso, curiosando fra gli articoli del Times-online, la mia curiosa attenzione è stata carpita dall’ articolo “No sex and the City” che capeggiava l’immagine di una donna, tipo avatar, seduta su un ampio e varipinto letto con un’aria seccata ed annoiata. Un’immagine che tradiva delusione ed un nervoso scoramento…..

così sono stato preso da una forte curiosità e mi sono avventurato nella traduzione del pezzo scritto tutto in inglese, è stata un’impresa ardua per la mia modesta residua capacità di comprendere quella lingua. Con l’aiuto di un traduttore on-line sono riuscito nell’impresa.

Certo che dopo aver letto questo l’articolo l’immagine romantica di una buona parte del

mondo femminile subisce un’inevitabile tracollo e fa pensare che in questo ultimo secolo molte del gentil sesso si fanno avanti con sempre maggiore malizia ed opportunismo ed la loro apparente fragilità è capace di aggirare ogni timida difesa maschile. L’incedere femminile verso l’agognato benessere è ormai un fatto acclarato ed il continuo gossip quitidiano evidenzia la cronaca di quel patinato evanescente glamour vissuto da molte algide, flessuose e quasi sempre poco vestite modelle che vanno all’attacco di presidenti, di calciatori, di industriali ed in genere di uomini ultra benestanti e noti. Il tutto in un affettuoso e romanzesco business.

Oleanna Mills, l’autrice dell’articolo e dell’analisi del sondaggio in questione, prende in esame donne di circa trentanni, che vivono in ordinati monolocali, che vorrebbero avere una vita più disinvolta nella propria disponibilità di denaro per dedicarsi a frenetici e compulsivi shopping, magari alla guida di una bella automobile come l’Aston Martin e non preoccuparsi mai del costo di viaggi e vacanze. Insomma una parte delle signore vorrebbe avere un partner ricco e quindi alla domanda se fossero disposte a sposarsi solo per denaro hanno risposto di si, forse senza tenere conto che ogni cosa “buona” – si fà così per dire – ha un elevato prezzo da pagare e la propria vita personale viene assoggetata da un gran numero di limiti all’infuori di riuscire a spendere per cose effimere, per stupidi surrogati della vera felicità.

Le donne che dovessero considerare come valore più importante il denaro, dovranno prima o poi rendersi conto che avere vicino un partner non amato ma in affari e ricco può celare delle insidie alla vita tanto da rendere insoddisfacenti le giornate trascorse insieme. In genere una persona ricca e molto indaffarata a non interrompere il ciclo della sua fortuna finanziaria dedica ogni sua energia alla sua professione e quindi quando è in casa non è interessato alle smancerie femminili, bensì al suo prezioso riposo, al suo sonno, così finisce per trascurare la presenza femminile.

La vita in compagnia con chi ha la priorità del profitto può obbligare la compagna a sopportare continue crisi di umore e di angoscia del proprio partner, sempre teso nel controllo dei mercati, delle sue risorse, dei suoi numerosi appuntamenti di lavoro e delle numerose ore trascorse per affari al telefono. Inoltre accompagnarsi ad un simile uomo significa sempre essere obbligate a tenere in ordine il suo ampio guardaroba e di fornirgli una vita domestica perfettamente organizzata da contrapporre al suo quotidiano eventuale caos nel lavoro. Per finirla quì si può azzardare per una donna attratta solo dal denaro in un matrimonio il pericolo di vivere un’esistenza da ancella senza alcuna tenerezza e priva di ogni forma di passione sentimentale e fisica, una vita spirituale nella sola contemplazione della eventuale ricchezza e nella magra soddisfazione di essere forse ammirate a distanza alla guida della propria auto sportiva.

Un ampio sondaggio inglese, che ha scoperto una realtà a dir poco sconvolgente come quella di apprendere la disponibilità di alcune signore di voler vivere una vita affettivamente insignificate, priva di ogni slancio passionale e da perenne gregaria, ma nella possibilità di poter disporre dell’altrui benessere economico.

Un ragionato annullamento di sé stessi, un rifiuto di vivere l’aspetto migliore e più importante della nostra natura umana come quello di sentirsi innamorati, presi in una solida situazione sentimentale e passionale, una privazione della più felice convivenza che segna il passaggio dalla giovinezza alla viva e consapevole maturità di voler vivere il resto della comune esistenza con amore, con attenzioni, dolcezza e lasciandoci attrarre con fiducia dal partner. Senza amore si è costretti a vivere delle finzioni sociali che umiliano l’entusiasmo e che, prima o poi, danno avvio ad una miriade di bugie.

Io non credo però che siano così tante le donne o le persone in genere che sarebbero pronte a sacrificare sé stesse, i propri sentimenti e le proprie emozioni per il solo benessere economico garantito.

Non vorrei supporre che questo scadimento di una parte di persone sia dovuto al pesante deterioramento della politica, dell’economia e dell’attuale generale condizione sociale.

E’ vero però che viviamo un sistema economico che si preoccupa solo di costruire le persone giovani in base ad un sistema consumistico. Una nuova compulsiva schiavitù, complici la pubblicità, le mode strumentalmente imposte con l’esempio di variopinte e poco vestite modelle e veline che intrecciano manifestate pubbliche serie di amori con presidenti, calciatori ed industriali per la gioia del gossip rosa.

In genere si dice, si riesce ad influenzare un pò di gente non tanto con le parole quanto con i comportamenti.

 

 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: