Fragilità, Insicurezza e la moderna mistica del DNA…..nemici dei nostri tempi.

   pb1n26can0si9kcae2lvadcacueuq5catf2sqocamaqtwxcav36tvlca1vrdyvcak7a2z6cakqh1facaop7kaeca2r8j45ca5gh1licak5eg6ycamdwd7pca6pv7tfcatnif79ca9cu90qcazf73hm.jpg      fra.jpg    dna-test.jpg

                dire_11909073_39110.jpg                          7usnzccalxqunfcausxun3caxwajwrcajgbzcqca2aanfqcasrwaebcapwsx7jcat71e6rcax31cfjcarsgw2scan8462qca7mpz0kcadbxjiocap6e5gccaju8omrcakt459tcaxsad57ca7q0xmb.jpg

Ero già sveglio e davanti alla solita tazza di caffè latte, quando la sveglia, alle sette in punto, attivò automaticamente il suo forte allarme. Così, quasi di controvoglia, mi alzai e lasciai per qualche attimo la colazione ed il telegionale per andare a spengere la sveglia, per tacitare quel terribile rumore, che se mi avesse sorpreso ancora a letto mi avrebbe fatto fare, come al solito, un sobbalzo.

Così terminai di sorseggiare il caffè latte e mi preparai velocemente per uscire, dovevo andare all’ospedale del vicino comune per sottopormi alla prevista risonanza magnetica, ultimo esame fra quelli prescrittemi per completare l’indagine su un problemino, che reclamava attenzione.

La fortuna mi fece trovare subito lo spazio per parcheggiare la macchina, così in pochi attimi già stavo davanti agli sportelli per pagare il dovuto ticket, prima di recarmi al reparto per effettuare, appunto, la risonanza magnetica.

Era trascorsa una buona mezzora, quando, giunto davanti alla porta che immetteva nel laboratorio di radiologia, riuscì a consegnare la mia impegnativa all’infermiere ed attendere che finalmente mi chiamassero per svolgere l’esame rsm. Dovettero passare altre due ore quando finalmente venni chiamato ed intrdotto nella stanza dove era posto il grande macchinario, di colore crema, della risonanza magnetica, per me era la prima volta che effettuavo questo tipo di controllo, quindi, incuriosito, mi misi ad osservare bene quell’ingombrante strumento, tutto sommato assomigliava a quello adatto per la tac. Mi tolsi di dosso ogni oggetto metallico ed attesi l’infermiere, che non tardò e mi fece subito misurare quel tipo di gabbia metallica che avrebbe dovuto contenere la parte da sottoporre all’esame. Per farla breve non riuscì a fare la risonanza perchè la gabbia in parola era di una misura insufficiente per me ed un’altra era troppo ampia per garantirne l’esatta esecuzione, così, per motivi tecnici, fui invitato ad andare in amministrazione per attivare la procedura di restituzione della somma pagata a titolo di ticket. Incredulo per quanto stava accadendo, raccolsi i miei oggetti e mi diressi velocemente allo sportello amministrativo concludendo con la restituzione dei miei euro quella sfortunata, quanto assurda, avventura sanitaria.

Malgrado una certa inquietudine per l’accaduto, mi diressi verso il bar dell’ospedale per spengere l’ appetito che, data l’ora, era puntualmente sopraggiunto. Mi sedetti in un tavolo libero della sala interna del bar ed ordinai un succo di frutta ed un tramezzino, mentre iniziai a sfogliare il mio giornale, abbandonando un certo risentimento e qualche altro residuo pensiero per quanto mi era accaduto.

Mi venne portato quasi subito quanto ordinato, mentre due signori di sicura mezza età occuparono il tavolo che mi stava proprio di fronte. Li sentì ordinare ad alta voce, quindi iniziarono a parlarsi sottovoce, dopo avermi brevemente scrutato con una veloce occhiata.

Come sai sono ormai anni che mi si è insinuato un tarlo in testa, sempre dubbi e in questa epoca in cui non si può più credere a nulla di primo acchito, tanto più quando si ha una moglie come la mia sempre troppo allegra, esageratamente dinsinvolta come se vivesse una vita tutta sua e poi usa eccessive attenzioni per nostro figlio, diciamo così.

Queste erano le parole che pronunciava il signore che mi dava le spalle, un atto di accusa verso la moglie che non riuscivo a comprendere bene, ma mi aveva fortemente incuriosito per il tono forte e nello stesso tempo sommesso nel tono di voce, mentre il suo amico lo ascoltava con tale serietà, dandomi anche la netta impressione di un discorso già fatto. Attualmente, seguitò sempre sommessamente il vicino di tavolo, in America circa trecento uomini alla settimana si rivolgono a case farmaceutiche per assicurarsi il kit per il test del Dna da effettuare ai figli per avere la certezza che questi siano veramente i propri ed all’insaputa della moglie. Tante persone sentono viva la necessità di verificare nel tempo la fedeltà del proprio partner e non solo vi sono anche ragazzi adottati che cercano di riconoscere i propri genitori biologici. Però la maggior pare degli uomini, che fanno ricorso a questo particolare kit, sono per la maggior parte reduci da operazioni militari nel mondo e non ricorda di aver vissuto con la propria consorte una situazione che giustifichi la nascita di un figlio. Ormai molti clinici ed altrettanti laboratori medici incoraggiano le persone di ricorrere all’esame del Dna per togliersi dubbi e sospetti sul proprio partner. Considera il caso di una relazione occasionale può essere motivo per la nascita di un bambino ed il marito, all’oscuro dell’infedeltà consumata dalla moglie, non saprà mai che lui non né è il vero padre….capisci cosa intendo? Altro che gelosia, oggi le donne sono terribilmente senza scrupoli e quindi per loro vale la regola occhio non vede cuore non duole. Inoltre, come ti ho già confidato, mi stò trovando in difficoltà con mia moglie, lei sembra essere sempre attiva ed interessata alla sua immagine femminile, mentre io accuso una forte limitazione per motivi psicologici che mi crea questa situazione e non dirmi che sono solo geloso o che sto passando un lungo momento di silenzio fisico. Questo è’ impossibile dato che siamo quasi coetanei e tutto sommato non sono mai affaticato per il nostro lavoro, quindi lei ha qualcosa che la tiene perennemente interessata, accesa e poi, anche se sono trascorsi molti anni, non ricordo distintamente una situazione che mi assicuri di essere il vero padre del nostro ragazzo.

Pur rimanendo miracolosamente con gli occhi fermi sulla pagina del giornale, che di fatto avevo smesso di leggere, trattenni il forte sgomento per quelle parole, che non sembravano frutto di un razionale ragionamento, ma un rumoroso prodotto di una mente fortemente disturbata che non considerava i probabili effetti dirompenti di una tale indagine e che senz’altro erano un palese dimostrazione di una insanabile frattura già in atto nell’animo del dubbioso interlocutore, che fa emergere nella sua mente un probabile vecchio sospetto, facendo vergognosamente emergere una drammatica debolezza del suo rapporto matrimoniale. Oggi poche cose riescono ancora a meravigliarmi, ma una simile situazione mi spaventa, nel senso che è impossibile supporre che due persone decidano di vivere insieme senza stima, conoscenza e fiducia reciproca e queste caratteristiche non possono venr meno nel tempo così, senza motivo come se il trascorrere del tempo consuma e deteriora ogni nostra personale virtù e certezza e per questo ci si sente autorizzati ad agire di nascosto per fugare ogni immaginario dubbio di presunta infedeltà da parte della nostra compagna. Così ci si ritrova a prelevare, con un tampone del fatidico kit, la saliva dal cavo orale di nostro figlio o figlia ed inviarlo, unitamente al campione della nostra saliva, presso un laboratorio per ricevere nel proseguio l’ assicurazione di essere i genitori biologici della prole. Tutta questa manovra, con carattere offensivamente carbonaro, alla modica spese fra euro 250 ed euro 650 circa, a detta del confuso signore.

Mentre le parole continuavano a scorrere senza senso nel tavolo vicino, mi riproposi la domanda di come si poteva riuscire ad amare qualcuno senza averne fiducia, senza la speranza di un normale menage di coppia che sappia farci chiaramente individuare la soddisfacente direzione della vita. Quasi certamente il dubbioso signore si trovava in piena e grave crisi di mezza età, che facilmente caratterizza la superficialità di comportamento e di ragionamento accompagnata a volte da una forma di esagerata gelosia, che rasenta la dimensione di una vera patologia a cui dedicare seria attenzione. Quando di valutano i sentimenti quale l’amore e suoi dintorni, bisogna mantenere un atteggiamento razionale, articolato da molto buon senso ed iniziare la riflessione sulla propria storia sentimentale per convenire che la felicità pluriennale non può essere relegata ad una esclusiva botta di fortuna, allora se qualcosa aggredisce le certezze, non si deve dare ascolto ad un generico dubbio al quale nel tempo si dà consistenza con equivocati vecchi ricordi, ma è necessario interrogare la nostra personalità per riavere una chiara e reale coscienza di sé per rivitalizzare le proprie aspettative e la personale proiezione sul partner. Quindi si deve far lavorare l’interiorità per neutralizzare gli aspetti nocivi del momento in modo da evitarsi cocenti e clamorose delusioni derivate da distorte percezioni.

Quindi per mantenere il senso profondo dei sentimenti che hanno unitola coppia è necessario interrogarsi ed interogare per dare vita ad una sana comunicazione con grande onestà mentale ed emotiva e non vergognarsi di far rilevare ogni propria possibile fragilità per trovare il giusto aiuto dalla partner per ripartire insieme con rinnovata certezza l’esperienza dell’amore adulto. Dunque all’aria tardivi ed incosistenti dubbi che sono solo un gioco del momentaneo esaurimento.

Mentre i due vicini avventori seguitavano a discorrere sull’opportunità di controllare di nascosto eventuali infedeltà coniugali ricorrendo al preciso test del Dna, immaginavo l’eventualità che la moglie di uno di questi sventurati si accorgesse delle segrete manovre del proprio coniuge per accertarsi della loro paternità. Sarebbero seguite feroci litigate da fuochi d’artificio per la grave mancanza di fiducia e per il sotterfugio usato in tutta la situazione, senza il più offrire un pur minimo cenno delle proprie incertezze e senza i necessari fondati motivi per procedere arbitrariamente a queste indagini per la certezza della propria paternità.

Una totale non considerazione del proprio partner, appartenente a modeste condizioni culturali e di personalità, come l’aggressività che in questo periodo annienta la vita e i sentimenti di molte coppie con angosce di situazioni puramente immaginarie, che possono, in casi estremi, alterare equilibri personali delicatissimi.

Quando non si riesce più a cogliere con obiettività le tante belle sfumature di vita di relazione affettiva nel proprio microcosmo, allora si rischia di non riuscire a vivere durevolmente una situazione sentimentale. Quando si è assaliti da dubbi di ogni genere, è molto probabile che si possiede un’insufficiente autostima ed una fragilità interiore che, da un momento all’altro, può irremediabilmente deteriorare la voglia di vivere facendoci impattare con inevitabili fallimenti.

Queste defaiance sono più frequenti nelle società ad alto rischio di stress come negli Stati Uniti dove queste debolezze vengono sfruttate mercantilmente da molte società, che commercializzano dei test sul Dna ricavandone elevati profitti, ponendo inesorabilmente la parola fine a molte storie sentimentali, naufragate nei flutti dei dubbi e delle incertezze. Ed oggi, grazie alla globalizzazione e all’estenzione del libero mercato, queste promozioni sull’esame segreto del Dna, stà arrivando anche da noi e a prezzi stracciati.

Dopo queste personali e silenziose considerazioni, mi alzai per andare a pagare il conto dello spuntino, lasciando dietro le mie spalle quei due assurdi conversatori…..

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: