Circuito dell’Estroril (Portogallo)3a Gara di Motomondiale G.P. 2008

A pochi minuti oltre le 14.00 le potenti moto Gp sono già tutte allineate sulla griglia di partenza secondo l’ordine stabilito dai risultati ottenuti nelle ultime prove di qualificazione.

La pista dell’Estoril dovrebbe essere un pò umida e la sua temperatura non dovrebbe essere la migliore, infatti è un pò più freddo di ieri. Quì le gomme Bridgestone dovrebbero godere di un certo vantaggio sulle Michelin, un pò per le condizioni climatiche ed anche per la conformazione del circuito. Da qualche anno le prime due curve sono state ridisegnate per rallentare la velocità delle moto di massima cilindrata, l’asfalto non è molto abrasivo e garantisce un buon grip, quindi chi monta le coperture Bridgestone dovrebbe avere un vantaggio sulle Michelin.

E’ arrivato il momento della partenza ed il forte inconfondibile urlo dei motori in accellerazione, con lo spengimento dei semafori, vede scattare in avanti tutti i bolidi verso la prima curva. I piloti non si sgranano subito, i primi chilometri sono velocemente percorsi a gruppetti, ma dall’ottavo giro si forma subito il gruppetto di testa, Rossi-Lorenzo e Pedrosa, due Yamaha ed un’Honda. Il loro passo gara è sull’1’38” circa e velocemente sfilano nella numerosa serie di curve, con notevoli pieghe.

Ormai il serpentone dei concorrenti impegna buona parte del circuito con sempre in testa Rossi seguito, questa volta, da Pedrosa, Lorenzo e Dovizioso. Un quartetto molto reattivo e combattivo, tutti con il casco nel cupolino e con manetta a tutto gas per precedere l’avversario e mantenere il proprio esiguo vantaggio, nella studiata attesa di saltare avanti alla conquista di una migliore posizione.

Al dodicesimo giro Lorenzo su Yamaha gommata Michelin riesce ad avere un formidabile guizzo per superare Rossi, prendendo autorevolmente il comando della gara, è incredibile che un giovane debuttante sia in grado di guidare così prepotentemente una moto della classe regina, dominandone la potenza con una perizia ed un coraggio degno di un pilota veterano.

La gara è ancora lunga e la fatica non deve tradire la concentrazione, così giro dopo giro si giunge a metà percorso dove Dovizioso ed Hayden, forse chiedendo troppo ai loro potenti mezzi, sono vittime di due cadute che li metteno definitivamente fuori dalla competizione, facendo guadagnare due posizioni a tutti quelli che inseguono.

Intanto verso il diciottesimo giro Valentino Rossi inizia a perdere terreno nei confronti di Lorenzo e di Pedrosa, forse iniziano ad esserci problemi alle sue Bridgestone.

Casey Stoner con la sua Ducati inizia ad avere più feeling con il tracciato, probabilmente la moto si è alleggerita dal peso del carburante sin quì consumato e quindi si trova in una condizione più performante da iniziare una discreta rimonta sino alla sesta posizione. Melandri è perso verso la quindicesima posizione e non sembra in grado di migliorare la sua condizione. Sembra chiaro che la Ducati non è una moto dalla facile messa a punto e forse queste non brillanti risultati dipendono dal suo maggiore peso e da un telaio tubolare un pò troppo flessibile. Certo se avesse piovuto la Ducati avrebbe avuto una migliore prestazione su questo circuito, ma ormai bisogna attendere il prossimo gran premio, quello della Cina, dove sicuramente, almeno si spera, si vedrà un ritorno della rossa verso le prime posizioni.

La Honda HRC di Pedrosa, sempre stabilmente in seconda posizione, non sembra avere la necessaria velocità, il necessario spunto, per impensierire ed attaccare Lorenzo nella sua prima posizione alla guida di una moto che sembra essere sin quì la migliore, per velocità e manovrabilità, quindi per agilità.

La bandiera a scacchi conferma la vittoria del giovane spagnolo Lorenzo, seguito da Pedrosa e da un Rossi ben più lontano e con un passo di gara di un abbondante 1′ 39″ contro l’ 1′ 38″ 3/7 dei primo due capofila.

 

Ordine di arrivo moto Gp:

1) Lorenzo Yamaha

2) Pedrosa Honda

3) Rossi Yamaha

4) Edwards Yamaha

5) Hopkins Kawasaky

6) Stoner Ducati

7) Toseland Yamaha

8) Vermeuler Suzuky

9) Capirossi Suzuky

10) Nakano Honda

 

Classifica Mondiale Piloti:

1) Lorenzo 61

2) Pedrosa 61

3) Rossi 47

4) Stoner 40

5) Toseland 29

6) Capirossi 26

7) Hopkins 24

8) Edwards 22

9) Dovizioso 21

10) Hayden 19

11) Nakano 16

12) Vermeulen 14

Alla prossima in Cina, a Shangai il 4 maggio.

Una risposta a Circuito dell’Estroril (Portogallo)3a Gara di Motomondiale G.P. 2008

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: