Il Far West dei giorni attuali.

 Desidero condividere con chi entra in questo blog, il contenuto di un foglio scritto e da me trovato ai piedi di un tavolino del bar del corso:

“Certo stiamo vivendo in un’epoca che si è scoperta veramente diversa da quella di qualche anno fa, in pochi anni ci sono stati dei mutamenti inverosimili, incredibili lontano da ogni ipotetica possibile previsione. C’è stato un costante avanzamento del nuovo (scrivo nuovo non migliore) e noi tutti già straimpegnati in vari problemi per sbarcare il lunario, non ci siamo accorti che molte persone andavano cambiando, che le tradizioni sparivano pian piano come ogni forma di artigianato, pian piano ci siamo accorti che non dovevamo più al lattaio la bottiglia di vetro vuota per quindi acquistare un altro litro di latte. Anche le vecchie voluminose lire ci sono state tolte dalla tasca ed al loro posto ci hanno consegnato quasi la metà delle vecchie somme con una nuova moneta l’euro, bella più maneggevole e più colorata quella cartacea, di aspetto quasi aureo quella in moneta. Una bella novità, tante belle novità come la televisione che da bianco e nero, da qualche anno, la si vede finalmente a colori. Prima si beveva solo l’acqua marcia, fornita a poco ad ognuno di noi, ora per fortuna questo servizio è stato privatizzato, cioè se ne occupano ditte private, che hanno già migliorato qualcosa come le bollette, certamente più care di prima. Anche la luce elettrica è stata nel tempo privatizzata, dalla Sre all’Enel, prima in ogni casa c’erano due tipo di elettricità, una con voltaggio basso 125v per l’illuminazione e 220v per gli altri usi. Oggi gli impianti, i cablaggi civili sono realizzati più elegantemente con moderni contatori ed il voltaggio è stato uniformato per ogni uso a 220v, conseguentemente i prezzi del consumo sono aumentati iperbolicamente. Anche i trasporti urbani ed extra urbani sono stati modernizzati e privatizzati. Tutti i capitali di funzionamento sono stati dati ai privati e tutto funziona con tariffe molto più elevate e con conti aziendali sempre in rosso. Insomma è aumentato tutto, quando si esce a fare la spesa sembra che si stia acquistando dei gioielli per quanto sono alti i prezzi dei generi alimentari, fra poco finiremo per montare la frutta sugli anelli al posto delle solite pietre preziose. Insomma, non so se dimentico qualcosa, ma è aumentato tutto, tutto meno i redditi dei cittadini che lavorano per davvero e questo crea una diffusa incertezza ed una evidente difficoltà nel vivere quotidiano.

Ormai va di moda la privatizzazione, non c’è niente da fare, dalla sanità pubblica alle scuole di ogni livello, si dice che le università potranno diventare fondazioni private. Anche le banche sono state oggetto di opportune privatizzazioni, di fusioni, di incorporazioni e di un altri innovativi cambiamenti e questi non mi sono mai apparsi a favore dell’utenza o dei lavoratori di settore di medio organigramma. Qualche anno fa fummo vittime del Serpentone Monetario o Finanziario (non né ricordo l’esatto nome), poi dell’Ecu, oggi dell’euro con tutto quello che né consegue. Prima nelle città si riusciva a parcheggiare con facilità, oggi non è più possibile perché con qualche bidone di vernice blu sono stati creati parcheggi solo a pagamento, quelli di prima gratis o ad ora, sono di fatto quasi scomparsi.

Nel contempo sono aumentati gli atti criminali, gli scandali, le speculazioni, i ricchi in ricchezza, i poveri in povertà ed in maggiore numero.

Troppe cose nuove non vanno, ma non si riesce a trovare un rimedio equilibrato e durevole nel tempo, eppure i tanti politici occupano gran parte del loro tempo a discutere, a dibattere, a proporre eventuali soluzioni, che in genere non funzionano mai come elemento risolutore. Chissà perché!

Per fortuna che i nostri politici mantengono ancora un bell’aspetto, sicuramente sono persone molto resistenti ed il lavoro ed il peso gravoso delle responsabilità non li svantaggia fisicamente come gli operai, i disoccupati, i poveri ed i portatori di gravi e rare patologie.

Oggi si vive con la sorpresa di ciò che può accadere il giorno dopo ed a questo non c’è rimedio, nessuno può prevedere bene il futuro, a volte, apprendendo una notizia dai numerosi odierni media, non si riesce a capire subito se questa è una buona od una cattiva notizia. Si vive in un moderno far west politico, economico e sociale……..una sorta di una Second Life…….speriamo in quel che Benedetto XVI ha scritto in “Spe Salvi”, come credere in “Spe salvi facti sumus”.”

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: