Sicurezza? Ordine sociale ed economico!

Oggi,controllando la posta sul pc, mi sono soffermato a leggere  un invito a disquisire, per quanto possibile oggi, sul tema della sicurezza. Questo sostantivo, al solo leggerlo e nominarlo, accende subito in molti di noi un senso di incertezza, di pericolo. Una forte sensazione, che è cresciuta a dismisura e si è fatta strada nell’animo di molti di noi. Un sentimento negativo causato dall’odierno disordine politico, non più sostenuto dai valori distintivi tanto meno sostenuto dalla presenza di persone capaci e meritocraticamente all’altezza della grande responsabilità sociale, che gli compete doverosamente. Ormai la tribù della politica è frequentata da persone ben lontane dalla vita reale dei cittadini, che ormai sono quasi rassegnati al misero tram-tram quotidiano fra scandali, gossip, reati di ogni genere, sulla drammatica situazione della sicurezza del lavoro, sul continuo dimagrimento delle prestazioni dello stato assistenziale e sociale (welfare). Ormai sembra che siamo costretti a pagare tasse ed imposte solo per mantenere le storiche ingorde lobbies. . . . e per questo motivo la maggioranza della nostra cittadinanza si augura di giungere quanto prima ad un cambiamento per rimettere in ordine la nostra vessata comunità.

Apprezzabile ma vano il lavoro di molti opinionisti, che usano troppe parole per fissare il senso della sicurezza a cui la maggioranza aspira. . . . basta fare quattro passi lontano dai salotti frequentati dai prezzolati messia dei nostri giorni per capire cosa intendono per sicurezza le persone che lavorano e che sono la parte passiva dei gravi errori della politica e dell’attuale sregolato e rampante capitalismo, l’Alitalia né è un recente esempio ed in questo terribile tsunami aziendale nessuno, dei tanti responsabili, ha avuto il coraggio di proporre anche per loro un allineamento dei propri spropositati compensi.

Sarebbe stata una piccola cosa, ma nel mare magnum dell’odierna ingiustizia sociale, che sembra vergognosamente imperversare, sarebbe stato un gesto di apprezzata solidarietà verso chi deve nuovamente programmare la propria esistenza finanziaria.

Vi sarebbero altri infiniti esempi che hanno fortemente minato la sicurezza nel nostro stanco Stivale come le esposizioni finanziarie di molti enti e fondi pensioni in titoli derivati dalla irresponsabile speculazione finanziaria americana, simili a quelli garantiti od emessi dalle società appartenenti al gruppo Lehman Brthers , che né stanno influenzando negativamente il patrimonio con perdite certe. . . .e questo alla faccia del sacrosanto principio di operare con lo spirito del “buon padre di famiglia”. Così fra non molto tempo altri lavoratori saranno sacrificati per le sciocchezze degli “altri”, i fondi pensione venderanno gli immobili, pagati dai soci – normali previdenti cittadini lavoratori -, per motivi di liquidità (pagamento pensioni) ed i tanti portieri ed il personale dell’indotto andranno, prima o poi, drammaticamente ad aumentare l’esercito degli esuberi e dei disoccupati senza più casa. Un’infinito disagio sociale che non fà notizia . . . . . e la politica che fà?. . . . . . .il solito. . . .nulla, almeno sino a questo momento.

Le persone che per loro fortuna frequentano loro simili nei palazzi del potere sono informati di tutto e questo non giustifica il loro non fare od il loro sottovalutare l’altrui condizione.

Ecco cos’è la sicurezza, oltre “il pacchetto o pacco”, la nostra Costituzione Repubblicana ancora resiste alla mania di taluni di stravolgerla, per il resto c’è solo da far rispettare le leggi, che già esistono.

Oggi per una malintesa deriva liberista un buon numero di persone inneggia alla Libertà, ma poco alla Giustizia e poi quando qualcun altro desidera richiare i principi di quest’ultima viene aggettivato come giustizialista, se non addirittura reazionario . . . . questo è purtroppo il gran paradosso dei giorni nostri.

 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: