ll Valore dei Sentimenti Semplici.

famigliaGironzolavo fra un blog e l’altro, soffermandomi a leggere vari post, un’immensa varietà di argomenti e d’immagini, un mondo variopinto, un’infinità di complessa fantasia fra momenti di riflessioni, di racconti, di recensioni, di poesi, di finanza, di politica, di viaggi, di confessate delusioni e di speranze, di richieste di aiuto, del perchè si debba essere credenti e perchè non lo si deve essere, di filisofia, di progetti e desideri forse confessati con la forza dell’anonimato, tanto vario gossip. . . . e tant’altro da far girare la testa e in mezzo a questa varietà espressiva è difficile catturare un solo fotogramma attendibile dell’indentità di un solo autore di questi lavori, scritti nel web con la consapevolezza di un’ ampissima diffusione, con la forse segreta volontà di offrire all’osservazione altrui un’occasione disvelante della grande varietà, grottesca o no, di sentimenti.

In questa babele del cirberspazio, mi sono soffermato in uno spazio semplice, intelligente, apparentemente senza pretese, ma che di tanto in tanto la sua lettura fa riscoprire la densità e l’importanza dei valori familiari in contrapposizione a quanto di evanescente è praticato oggi, come l’individualismo, l’autoreferenzialismo, la superficialità delle relazioni e la solitudine affettiva, che si vive in molti nuclei familiari.

A volte si ha l’impressione di vivere fuori tempo quando si è sorpresi da semplici, ma forti, sentimenti di affetto fra giovani e meno giovani, che sanno per fortuna ancora esprimersi con il linguaggio del cuore e dei principi morali e delle tradizioni.

In questo post si vive la calda atmosfera di una ricorrenza, quella di ben 42 anni di matrimonio fra due “sposi speciali”. . . . . . una fonte di forte emozione.

Poche righe, ma tanto amore, che ha permesso a tutti quei convitati di essere quelli che sono. . . . . anche loro persone speciali e fortunate.

Oggi spesso si vive frequentemente nella superficialità, molte cose di oggi sembrano essere evanescenti e temporanei, un triste modernariato di sentimenti spesso mediocri. . . . . . . . speriamo in una veloce inversione di tendenza per riappropriarci e per vivere il buon effetto del “volerci bene”.

Ecco il link del post che mi ha dato la possibilità di “osservare” una bella famiglia:

   

 

 http://messicoenuvole.wordpress.com/2008/11/02/w-il-pranzo-della-domenica/

 

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: