Il Ciclo dei Rifiuti. . . per saperne un pò di più (Lazio)

 

Come si forma un rifiuto, come si compone. 

1. rifiuto domestico

2. rifiuto commerciale

3. rifiuto cittadino

4. rifiuto industriale                        aqt0h8caapku2vca91vtzlcaqizt4dcay60nwican7nq1ucavvub5pca5s30eqcapdgb2ucadwhvivcay1xq5lcaey1n2mca2656kacaxzf2usca2y5on0ca3r2m8qcatxo2yzcapq7rahcar6o9n3

5. rifiuto agricolo

6. rifiuto tossico-ospedaliero

7. rifiuto uffici, negozi, enti pubblici e privati, pubblica amministrazione

Il rifiuto complessivamente si compone di diverse parti: plastica, vetro, metalli in genere, legno, parte umida.

La produzione della spazzatura è in continuo aumento e questo certamente non ne facilita l’eliminazione.

Particolare attenzione va posta agli effetti collaterali che ne derivano per quanto riguarda l’ambiente, l’emissione di gas nocivi di carbonio nonché di polveri sottili e la salute dei cittadini.

È possibile uscire dalla dicotomia “bruciare la spazzatura negli inceneritori” o “interrarla nelle discariche”?

L’Europa, come è noto, ha adottato una ricetta basata sulle cinque R: Riduzione dei materiali, Riuso,

Raccolta differenziata, Riciclo, Recupero energetico. Questo percorso prevede che la discarica tradizionale assorba quote sempre più marginali di spazzatura, idealmente tendenti allo zero.

La raccolta differenziata, sia quella tradizionale (cassonetti) sia quella porta a porta, è la chiave di volta per uscire dal marasma attuale, specialmente in alcune regioni (Sud) ma anche nel Lazio e a Roma.

A Roma, in particolare, la raccolta differenziata non è in linea con le punte di eccellenza raggiunte in altre parti d’Italia, specialmente al Nord e – straordinariamente – anche a Salerno e nelle altre province della

Campania (esclusa Napoli con i dintorni), nella Puglia etc.

A Roma, in particolare, è stata chiesta l’apertura di una nuova discarica, ma c’è da domandarsi a che cosa dovrebbe servire, dal momento che qui:

– la produzione giornaliera di rifiuti ammonta a 2.000 tonnellate;

– entro il 2009 dovrà entrare in funzione il nuovo impianto di Malagrotta, in grado di trattarne 1.200 tonnellate;

– la normativa vigente prevede una raccolta differenziata che corrisponde esattamente alla differenza tra la produzione totale e la capacità del nuovo impianto di Malagrotta.

È vero che suscita preoccupazione la notizia dell’avvenuto sequestro del cantiere della discarica che, se si prolungasse nel tempo, potrebbe compromettere il piano previsto per il futuro, ma la richiesta della nuova discarica non è in alcun modo collegata con le vicende di questi ultimi giorni.

A proposito della raccolta differenziata, va ricordato che il suo presupposto è il buon funzionamento del CONAI, il consorzio che si occupa di ritirare i rifiuti raccolti (acciaio, alluminio, carta, legno, plastica, vetro) e si incarica di riciclarli. Ma altri importanti attori sono il Comune e la sua rappresentanza politica: l’ANCI.

Per approfondire la problematica dei rifiuti occorre avere chiare alcune nozioni, cioè saper dare risposta ad alcuni interrogativi:

– che cosa sono un Inceneritore, un Termovalorizzatore, un Rigassificatore. Dove e come si collocano nella filiera del trattamento, smaltimento e produzione di energia elettrica? Con quale impatto rispetto all’ambiente (agricoltura e zootecnia) e alla salute dei cittadini?

– gli impianti di compostaggio servono a trattare il rifiuto organico così detto umido; quanti ne esistono a Roma, in provincia e nel Lazio?

– perché la raccolta differenziata nel comune di Roma stenta a partire? È un problema di mancata maturazione politico-culturale o di scarse risorse economiche o di entrambe?

– che risultati hanno dato le sperimentazioni partite nella città di Roma?

 

 

 

– nel Lazio qual è la situazione?  cassonetti

Informazioni: le 3.400 aziende della filiera cartaria continuano le attività di informazione a supporto della raccolta differenziata e del riciclo di carta, cartone, cartoncino. Tra queste RICICLO APERTO offre la possibilità di “scoprire” tutto sul mondo del riciclo:

 

 

 

 

 

(www.ricicloaperto.org)

 

 

 

Notizia: a Siculiana, in provincia di Agrigento, è stata aperta una discarica super certificata (dall’Iso 9001

all’Emas) in cui si provvede al recupero di energie. L’impianto è stato realizzato da imprenditori locali,

assieme ai ricercatori del Politecnico di Milano e della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Catania e,

secondo uno studio dell’Istituto M. Negri, presenta un rischio tumori per l’emissione di sostanze nocive che

è da 100.000 a 100.000.000 di volte inferiore al limite di legge.

 

 

 

Una risposta a Il Ciclo dei Rifiuti. . . per saperne un pò di più (Lazio)

  1. iso 14001 scrive:

    iso 14001…

    ISO 9001 standard is not product specific and can be used by a wide range of manufacturing and service companies. Long time ago, I saw a flag-size poster on a theater in Singapore bragging about its registration to the ISO 9001 standard. One of my Euro…

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: