Il Partito dell’Amore

Tutte le mattine Marco e Pippo si aspettano nel bar vicino alla fermata della metropolitana per prendersi il caffè prima di andare a lavorare. Pippo arrivò qualche minuto più tardi e trovò l’amico seduto all’interno del locale mentre sfogliava un quotidiano. – Eccome arrivato a Marco – , – aho c’è l’hai fatta a scenne dar letto, daie piamose sto’ caffè e annamo ch’è tardi – gli rispose Marco sollevando gli occhi dal giornale.
– A Pippo hai sentito la novità? Hanno rifatto er Partito dell’Ammore, c’è scritto sur giornale, così ci ammeremo tutti, bello no? –
– Dichi per davvero? E chi è sta santa persona, la vecchia zozzona? –
– A Marco dimme en do sta la sede, così ci annamo de nascosto de le moje. Ah finarmente anche noi se potemo divertì e dedicasse un po’ al sesso. O’ lo fanno tutti meno che noi, che ficata! – concluse d’impeto Pippo, mentre gli si accendeva il viso.
– A Pippo ma n’hai capito gnente -Come n’ho capito gnente? M’hai detto che c’è er partito novo dell’ammore, allora s’è iscrivemo puro noi no? –
-A Pippo ma che zozzona e zozzona, dentro sto partito mica se fa l’ammore e manco er sesso, c’è se vo’ bene e basta, come stà in paradiso – rispose stizzito Marco con l’aria di chi la sa lunga.Ma che me stai a cojonà, me dichi che c’è er partito de l’ammore dove c’è se vo bene, allora? Ma tu come voj bene a tu moje, dopo li bacetti te dai da fa no!
-Ma che da fa e ma che zozzona e poi che c’entra mi moje, stavo a dì che quarcuno stanco delle violenze ha voluto fa er partito dell’ammore, della pace come voi dì – insistette solenne Marco con un’accenno di rimprovero.
– Ma chi è stò fesso, un buciardo? Uno che cia paura delle donne o forse non conosce er bello della vita? – replicò Pippo stralunato.
– A Pippo è difficile raggionà co’ te. Tanto pe’ comincià, se ho letto bene, quello che ha fatto stò partito non è un fesso, anzi è un gran marpione e le donne se l’è fatte a raffica, dove annava ci aveva da fa e nun ci annava leggero. Puro le giovinette s’arendevano ar suo fascino de vecchio impenitente. – aggiunse seccato Marco.
– Ma allora che ammore è? – domando Pippo.
– Tu n’ha capito gnente, te lo stavo a spegà. In tv la sera non senti tutte què cose de violenza, de liti, de scervellati che se metteno a fa er far west pe’ gnente, puro a Razinger hanno spianato, è stata na’ matta dicheno, e allora questo bonomo ha voluto fa un partito dove nun se litiga, se parla, nun se crea odio né violenza. Lì ce se deve volè bene e tocca scansà li violenti, un nuovo modo de vive, aho vivemo in monno civile o no? E’ ora che se comportamo tutti bene ed io ce stò perché ce credo alla pace e poi semo a Nattale e quindi tocca esse boni –
Sentenziò Marco per chiudere la discussione, mentre posava il giornale.
– Vabbè ci avrai ragione, ma tu ce credi a sto benpensante? – aggiunse timidamente Pippo.
– Ma certo che ce credo, se no non avrei perso tempo a legge er giornale, e poi falla finita dubbiti de tutti e pensa ar Papa bono giù pe’ tera. E poi annamo a lavorà che se famo tardi er principale ce se fà un’artra vorta con quei strilli – concluse Marco avviandosi fuori dal bar seguito dall’amico che ancora rimuginava sul partito dell’Amore.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: