La rivoluzione di Memmo e Giggi

– Ciao Gi, comme stai – così Giggi fu salutato dall’amico Memmo che usciva dalla macelleria.
– Come ‘n gigante Me e tu? – replicò Giggi. – Bene puro io, ma so’ confuso, ho visto na’ cosa strana che me sta a fa pensà –
– Si confuso e pecchè? Cosa ha visto, che t’è successo. . .dimme – rispose affettuoso Giggi. – Ma chenne so, me sento scemo, ieri so annato a riprenne le scarpe e queste era ‘ncartate co’ sto’ foio de giornale e pe’ curiosità mò so’ messo a guardà e ciò trovato sta foto – confessò Memmo con aria preoccupata. – Famme vede puro a mè e che dè – imboccò amichevolmente Giggi. – Tò guarda qua – rispose Memmo mentre tirava fuori dalla tasca un pezzo di un vecchio giornale tutto sgualcito. – E che de’, nun ce vedo gnente de strano, c’è ‘n scarafone, ‘n prete, che bacia na’ mano a ‘n omo. Che c’è d’sagerato e preoccupante? – rispose sollevato Giggi. – Ma che non ce sbrillocchi, qui c’è no scarafone che bacia n’mano a n’omo comme noi. Aho da quanno so nato semo noi che baciammo le mani alli preti e no er contrario e questo me fa pensà che quarcosa è cambiato e nun me ne so’ accorto, mi moje nun m’ha detto gnente – così replicò Memmo all’amico Giggi. – Mo che mo dici m’è sembra stranno puro a me, forse o scarafone è scivolato giù pe’ tera e l’omo lo sta a tirà su’ – – Aho a tira su me sembri becalino, er prete lo sta a bacià se vede bene anche se sto pezzo de giornale è ciancicato. Da’ retta ame quarcosa è cambiato e nisciuno c’ha detto gnente. Ecco semo diventati gnoranti, nun semo informati ed io devo annà in parrocchia a chiede perchè er mio regazzino deve fa la communione e forse nun devo più annà in chiesa, ma da sti novi bon’omi – puntualizzò serio Memmo. – Ahò io vado a lavorà e nun m’è ntendo de relligione, faccio casa e bottega e nun c’ho tempo de legge sti giornali, che costeno puro un bell’ero. Mo vojo domanda puro a mi moje, essa và sempre en parrocchia – replicò sconsolato Giggi. – Ah mo’ stai a capi puro tu, securamente ce sarà stato n’ntro concilio e nun c’è ne semo accorti, così t’hanno santificato pure sti bon’omini comme quer vippete d’a provvidenza, t’e ricordi? Aho er monno s’aggiorna mica so comme noi che n’sapemo mai gnente. Oggi cambia tutto, prima e bollette der gasse e della luce se pagaveno solo alla posta, ora invece poi anna in banca o dar tabacchino, comme li ticchete della mutua. . . o no? – ammise con enfasi Memmo. – Me sé che ciai raggione amico mio, te svei la mattina e tutto è cambiato e noi nun cio sapemo, dovemo aggiornacce nun se po’ rimanè gnoranti tutta la vita e mo che ce penso me pare che puro le donne oggi possi dì messa. . . . semo n’mezzo a na rivoluzione e ce se perde la testa pe capì tutto er novo – – Hai capito comme stamo – aggiunse Memmo – e mo’ non so se er regazzino mio deve fa sta communione in parrocchia dalli preti o ner palazzo delli vippese, dai bon’ommini, sai li preti je danno solo l’ostia, li bon’ommini forse ie daranno puro er lavoro pe faticà sicuro n’domani, c’è da pensacce bene! – – Aho sai che te dico, mo t’accompagno n’parrocchia e domannamo ar prete come stanno ste cose nove , pecchè se ce pensamo noi se bruciamo er cervello e semo da capo a dodici e nun sapemo che fa e poi nun chiedemo gnente alle moje nostre così faremo bella figura – Concluse soddisfatto Memmo. – Annamo Memmo, nun famo tardi – disse Giggi allungando il passo e rimettendo in tasca il pezzo del vecchio giornale.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: