Un’amletica sciocchezza: il punto G

– Ambè hai letto er giornale dè oggi?- esclamo Mario al suo amico Umberto.
– No, pecché, che c’è, che dicheno de novo? – replicò Umberto.
Ma come che dicheno! Li medici hanno svelato un fatto importante – chiarì Mario.
Ma che fatto, io non so’ gnente, dimme – rispose con curiosità Umberto.
Tu vivi comme n’gnorante, un’anarfabeta e nun t’formi de’gnente – rimproverò Mario – Ensomma hanno scoperto ch’n’esiste er punto G, hai capito che po’ po’ de cosa? – precisò Mario.
– Ecche de’ sto punto G? N’cosa importante, fosse quell’indice costante della gravità, che se studiava a scola – pensò ad alta voce Umberto.
– Macchè, vedi che n’sai gnente – aggiunse stravolto Mario. – Ahò, allora vedi che se tratta de’ quarcosa delli jet, G2, G3 – aggiustò Umberto.
– Ma none, è quer punto delle femmine che le fa’ sentì contente quanno stanno con l’omo loro – aggiunse orgoglioso Mario. – A Ma’, nun né so’ gnente, mi moje nun m’ha mai detto nulla – riparò Umberto.
– Ahooo, ma n’do’ vivi, tutti sanno che le femmine c’hanno er punto G – aggiunse Mario.
– Aho decidete, se dichi che tutti sanno che sto’ punto è in tutte le femmine, vor dì che sto’ G allora esiste? – replicò confuso Umberto. – No che n’esiste, tutti pensaveno ch’esisteva, ma n’esiste era n’stupida credenza e tutti eravamo convinti che se nun facevamo felici le nostre moje era corpa nostra ch’n’eravemo capaci de trovallo n’scandaglio amoroso – rispose Mario. – Mo ho capito! Oh vedi che se parli chiaro te capisco subbito, endò sta’ scritta sta’ portante notizia? – aggiunse felice Umberto. – Me sembra sur giornale delli communisti – – L’hanno detto li communisti? E che dicheno li fascisti? – – Ecche né so’, forse dicheno che stò punto esiste ancora e che li communisti c’hanno torto, è n’antra bucia – disse mesto Mario. – Ah, ma allora è pollitica, mo’ quarche bonomo che sa’ de scienza lo chiederà ar Parlamento, così sapremo a verità sur punto G – disse sconsolato Umberto. – Tu dichi ch’n’fatto de politica, po esse, ma noi che famo ‘ntanto, comme se regolamo co’ le femmine nostre – aggiunse Mario. – E che vo’ fa’, famo come sempre, nun dicemo nulla alle moje nostre e annamo avanti comme prima – fu la risposta di Umberto. – E si, c’hai ragione, ancora nun sapemo con certezza se sto’ G esiste o none, famo lì pesci ner barile e che dio c’è la manni bona, che difficorta tocca avè, mica semo meddici – – A Mario, mo’ che ce penso, pè nun combina altri guaii, vedemo che combina ner frattempo er torello lombardo, lui sì ch’è nformato e poi c’ha n’sacco d’esperienza, lui n’se sbaia de’ certo. Aho quello sa’ acconta’ le femmine a frotte – dichiarò consolatorio Umberto.
– A M’berto, cia raggione, noi nun semo ommini de scienza, allora stamo attenti a come se’ comporta quer torello, e da mo’ se quarcuno c’e chiede quarcosa del G, dicemo che nun ne’ sapemo nulla e vai cor tango. . . chi c’ammazza cossì – concluse Mario.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: