Wall Street Reform.

Dear italian friend,
It has now been well over a year since the near collapse of our entire financial system that cost the nation more than 8 million jobs. To this day, hard-working families struggle to make ends meet.

We’ve made strides — businesses are starting to hire, Americans are finding jobs, and neighbors who had given up looking are returning to the job market with new hope. But the flaws in our financial system that led to this crisis remain unresolved.

Wall Street titans still recklessly speculate with borrowed money. Big banks and credit card companies stack the deck to earn millions while far too many middle-class families, who have done everything right, can barely pay their bills or save for a better future.

We cannot delay action any longer. It is time to hold the big banks accountable to the people they serve, establish the strongest consumer protections in our nation’s history — and ensure that taxpayers will never again be forced to bail out big banks because they are “too big to fail.”

That is what Wall Street reform will achieve, why I am so committed to making it happen, and why I’m asking for your help today.

Please stand with me to show your support for Wall Street reform.

We know that without enforceable, commonsense rules to check abuse and protect families, markets are not truly free. Wall Street reform will foster a strong and vibrant financial sector so that businesses can get loans; families can afford mortgages; entrepreneurs can find the capital to start a new company, sell a new product, or offer a new service.

Consumer financial protections are currently spread across seven different government agencies. Wall Street reform will create one single Consumer Financial Protection Agency — tasked with preventing predatory practices and making sure you get the clear information, not fine print, needed to avoid ballooning mortgage payments or credit card rate hikes.

Reform will provide crucial new oversight, give shareholders a say on salaries and bonuses, and create new tools to break up failing financial firms so that taxpayers aren’t forced into another unfair bailout. And reform will keep our economy secure by ensuring that no single firm can bring down the whole financial system.

With so much at stake, it is not surprising that allies of the big banks and Wall Street lenders have already launched a multi-million-dollar ad campaign to fight these changes. Arm-twisting lobbyists are already storming Capitol Hill, seeking to undermine the strong bipartisan foundation of reform with loopholes and exemptions for the most egregious abusers of consumers.

I won’t accept anything short of the full protection that our citizens deserve and our economy needs. It’s a fight worth having, and it is a fight we can win — if we stand up and speak out together.

So I’m asking you to join me, starting today, by adding your name as a strong supporter of Wall Street reform:

http://my.barackobama.com/StandForWallStreetReform

Thank you,

President Barack Obama

Caro amico italiano,

Ora è trascorso ben più di un anno dal crollo del nostro intero sistema finanziario, che è costato alla nazione più di 8 milioni di posti di lavoro. A questo giorno, lotta e duro lavoro alle famiglie per far quadrare il bilancio.

Abbiamo fatto passi avanti – le aziende stanno iniziando a ripartire, gli americani riescono a trovare un lavoro, si reinseriscono nel mercato del lavoro con una nuova speranza e riprendono i contatti con i propri vicini. Ma i difetti del nostro sistema finanziario che hanno portato a questa crisi restano irrisolti.

Wall Street è ancora temerariamente speculativa con il denaro preso in prestito. Grandi banche e società emittenti di carte di credito continuano così a guadagnare milioni, mentre un gran numero di famiglie della classe media, che hanno agito sempre correttamente, riesce a malapena a pagare le bollette o riesce a malapena a salvarsi nella speranza di un futuro migliore.

Non possiamo ritardare l’azione più. E’ tempo di costringere le grandi banche di rendere conto ai cittadini, per creare delle protezioni più forti verso i consumatori, come non è mai stato nella storia della nostra nazione – e garantire che i contribuenti non saranno mai costretti a salvare le grandi banche, perché sono “troppo grandi per fallire”.

Questo è ciò che Wall Street otterrà con la riforma e perciò chiedo oggi il vostro aiuto per non fare accadere quanto è successo.

Si prega di stare con me per mostrare il vostro sostegno alla riforma di Wall Street.

Sappiamo che senza esecutiva, le norme di buon senso per verificare abusi e tutelare le famiglie, i mercati non sono veramente liberi. A Wall Street la riforma favorirà un settore finanziario forte e vibrante, in modo che le imprese possano ottenere prestiti, le famiglie possono permettersi le ipoteche; gli imprenditori possono reperire il capitale per avviare una nuova azienda per vendere un prodotto nuovo, o per offrire un nuovo servizio.

Protezioni finanziarie ai consumatori sono sparse in sette diverse agenzie governative. Wall Street con la riforma creerà un unico sistema finanziario per i consumatori, la protezione dell’ambiente – con il compito di impedire le pratiche predatorie e avendo cura di ottenere le informazioni chiare, non stampato, necessaria per evitare esagerati aumenti delle rate del mutuo o degli aumenti dei tassi di credito della carta.

Riforma fornirà un cruciale nuovo supervisione, dare voce agli azionisti sulle retribuzioni e bonus, e creare nuovi strumenti per spezzare scorretti finanziamenti, in modo che i contribuenti non siano costretti in un altro sleale fallimento. E la riforma non mancherà di tenere la nostra economia al sicuro, garantendo che nessuna impresa può far cadere l’intero sistema finanziario.

Con così tanto in gioco, non è sorprendente che gli alleati di grandi banche e di istituti di credito di Wall Street hanno già avviato un annuncio di impegnare svariati milioni di dollari per una campagna di lotta contro queste modifiche. Lobbisti sono già impegnati in un braccio di ferro per cercare di minare le forti fondamenta bipartisan della riforma con i più strani sotterfugi.

Non accetterò niente di insufficiente per la piena protezione che i nostri cittadini meritano e la nostra economia ha bisogno. È una lotta degna di essere, ed è una battaglia che possiamo vincere – se vogliamo stare in piedi e parlare insieme.

Quindi ti chiedo di unirvi a me, a partire da oggi, aggiungendo il tuo nome come un forte sostenitore della riforma Wall Street:

http://my.barackobama.com/StandForWallStreetReform

Grazie,

Presidente Barack Obama

Anche in una certa nota penisola dei guai e delle eterne emergenze sarebbe necessaria la presenza di chi con tanta determinazione e giustizia provasse a risolvere almeno i problemi che più attanagliano i cittadini, come quello del lavoro, della trasparenza ed utilità bancaria e così via di seguito.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: