D’un fiato: Grazie!

Qualche volta, di rado, accade che qualcuno inaspettatamente si ricorda dell’affettuosa e solidale amicizia, che si è voluta offrire a qualcuno che, in un momento di profondo scoramento e solitudine, ha urlato e diffuso un messaggio di aiuto per essere affiancato e fortemente sostenuto nella sua battaglia civile per farsi riconoscere alcuni diritti e alcune possibilità, che di fatto nel suo quotidiano erano, se non totalmente negati, molto ridotti al punto da patire una vera e propria ingiustizia. Un accorato e sentito esse-o-esse da una delle tante persone uguali nella loro diffusa e più varia diseguaglianza.
Insieme a tanti altri internauti ho risposto a questo appello e tutti siamo stati compagni, fratelli, angeli custodi di questo e di tanti altri personaggi, che via via nel tempo, si facevano conoscere come altri condannati a patire la stessa ingiustizia, in un mondo solo apparentemente solidale e giusto. E si, viviamo ebbri di parole, di proclami quasi tutti senza senso e di nessuna utilità pratica in un incessante sipario sempre aperto fra oscenità, assurdità, belinate, conflitti, imparità che coinvolgono negativamente il presente ed il futuro della nostra esistenza. Un’epoca in cui vengono dettate molte regole demenziali, che stanno dividendo la nostra comunità calpestando molti fondamentali diritti, già conquistati ed acquisiti spesso nel passato a prezzo altissimo.
Così fu fondato un sodalizio ed una community nell’ampio spazio del web, creando numerose occasioni d’incontro e di discussione. . . . quasi un’isola felice dove si trascorrevano bei momenti e felici raduni.
Ma fra le molte disgrazie patite dall’essere umano c’è quella che il destino, l’imponderabile non fa mai durare molto i buoni periodi con l’avvelenata melassa, se non della stupidità, della superficialità di qualcuno che riesce inaspettatamente a disturbare quella magica atmosfera con delle sciocchezze, che tradiscono un’inconfondibile ed incorreggibile caratteristica dell’uomo: quella di ignorare e non considerare la sensibilità altrui, una terribile ed offensiva leggerezza.
Ecco così mi sono allontanato dal sodalizio e francamente non ho più alcuna intenzione di rientrarvi, ma a parte questa decisione dettata dall’ennesima delusione e dalla conseguente amarezza desidero ringraziare quattro amici B.T. – N. – G.eN. – T. (naturalmente ignavi dell’accaduto) di avermi cercato dopo molto tempo per conoscere il motivo della mia assenza con la speranza di sapermi in buona salute, invitandomi a riapparire nell’agorà anche per un fugace saluto.
Un bel pensiero e per questo gli sono grato e li voglio rassicurare di stare bene in salute per quello che la mia età concede. Oggi sono impegnato nel tentativo di risolvere alcune nuove difficoltà – (queste non finiscono mai e quando si crede di essere riusciti fortunatamente a raggiungere un po’ di tranquillità, ecco che la nostra attenzione viene accesa da un nuovo susseguirsi di problemi al punto da doversi nuovamente rimboccare le maniche, augurandosi di farcela anche questa volta ) -.
A proposito della mia assenza dalla community, debbo aggiungere che un episodio mi ha particolarmente infastidito ed quello che quando in questo spazio appare qualche persona che evidenzia gravi difficoltà importante e quindi il discorrere diventa complesso e pesante, al di là del giusto e dello sbagliato, qualcuno si eclissa per poi riapparire apparentemente ignavo di quanto è accaduto. Ciò appare come un modo come un altro per evitare fastidiose e difficili compromissioni mentre lo spirito cristiano ci sprona a condividere il dolore e le lacrime di vite veramente difficili. Per tanto da questo episodio appena accennato sembra che si viva un “volemose bene” inutile, incongruente con l’ostentata e diffusa cristianità, mentre di fatto il “disturbatore” viene definitivamente bannato per così seguitare indisturbati in una inutile sequela di amenità.
Comunque lasciando da parte queste ultime considerazioni, desidero ringraziare quanti mi hanno cercato. . . . grazie di cuore, non me lo aspettavo e vi sono grato e chissà che non ci si rincontri in un altro momento per dare seguito ai bei giorni trascorsi insieme.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: