Dopo il Partito dell’Amore. . .ecco la TV dell’Amore

gennaio 5, 2010

Annunci

Un’amletica sciocchezza: il punto G

gennaio 5, 2010

– Ambè hai letto er giornale dè oggi?- esclamo Mario al suo amico Umberto.
– No, pecché, che c’è, che dicheno de novo? – replicò Umberto.
Ma come che dicheno! Li medici hanno svelato un fatto importante – chiarì Mario.
Ma che fatto, io non so’ gnente, dimme – rispose con curiosità Umberto.
Tu vivi comme n’gnorante, un’anarfabeta e nun t’formi de’gnente – rimproverò Mario – Ensomma hanno scoperto ch’n’esiste er punto G, hai capito che po’ po’ de cosa? – precisò Mario.
– Ecche de’ sto punto G? N’cosa importante, fosse quell’indice costante della gravità, che se studiava a scola – pensò ad alta voce Umberto.
– Macchè, vedi che n’sai gnente – aggiunse stravolto Mario. – Ahò, allora vedi che se tratta de’ quarcosa delli jet, G2, G3 – aggiustò Umberto.
– Ma none, è quer punto delle femmine che le fa’ sentì contente quanno stanno con l’omo loro – aggiunse orgoglioso Mario. – A Ma’, nun né so’ gnente, mi moje nun m’ha mai detto nulla – riparò Umberto.
– Ahooo, ma n’do’ vivi, tutti sanno che le femmine c’hanno er punto G – aggiunse Mario.
– Aho decidete, se dichi che tutti sanno che sto’ punto è in tutte le femmine, vor dì che sto’ G allora esiste? – replicò confuso Umberto. – No che n’esiste, tutti pensaveno ch’esisteva, ma n’esiste era n’stupida credenza e tutti eravamo convinti che se nun facevamo felici le nostre moje era corpa nostra ch’n’eravemo capaci de trovallo n’scandaglio amoroso – rispose Mario. – Mo ho capito! Oh vedi che se parli chiaro te capisco subbito, endò sta’ scritta sta’ portante notizia? – aggiunse felice Umberto. – Me sembra sur giornale delli communisti – – L’hanno detto li communisti? E che dicheno li fascisti? – – Ecche né so’, forse dicheno che stò punto esiste ancora e che li communisti c’hanno torto, è n’antra bucia – disse mesto Mario. – Ah, ma allora è pollitica, mo’ quarche bonomo che sa’ de scienza lo chiederà ar Parlamento, così sapremo a verità sur punto G – disse sconsolato Umberto. – Tu dichi ch’n’fatto de politica, po esse, ma noi che famo ‘ntanto, comme se regolamo co’ le femmine nostre – aggiunse Mario. – E che vo’ fa’, famo come sempre, nun dicemo nulla alle moje nostre e annamo avanti comme prima – fu la risposta di Umberto. – E si, c’hai ragione, ancora nun sapemo con certezza se sto’ G esiste o none, famo lì pesci ner barile e che dio c’è la manni bona, che difficorta tocca avè, mica semo meddici – – A Mario, mo’ che ce penso, pè nun combina altri guaii, vedemo che combina ner frattempo er torello lombardo, lui sì ch’è nformato e poi c’ha n’sacco d’esperienza, lui n’se sbaia de’ certo. Aho quello sa’ acconta’ le femmine a frotte – dichiarò consolatorio Umberto.
– A M’berto, cia raggione, noi nun semo ommini de scienza, allora stamo attenti a come se’ comporta quer torello, e da mo’ se quarcuno c’e chiede quarcosa del G, dicemo che nun ne’ sapemo nulla e vai cor tango. . . chi c’ammazza cossì – concluse Mario.


La rivoluzione di Memmo e Giggi

dicembre 28, 2009

– Ciao Gi, comme stai – così Giggi fu salutato dall’amico Memmo che usciva dalla macelleria.
– Come ‘n gigante Me e tu? – replicò Giggi. – Bene puro io, ma so’ confuso, ho visto na’ cosa strana che me sta a fa pensà –
– Si confuso e pecchè? Cosa ha visto, che t’è successo. . .dimme – rispose affettuoso Giggi. – Ma chenne so, me sento scemo, ieri so annato a riprenne le scarpe e queste era ‘ncartate co’ sto’ foio de giornale e pe’ curiosità mò so’ messo a guardà e ciò trovato sta foto – confessò Memmo con aria preoccupata. – Famme vede puro a mè e che dè – imboccò amichevolmente Giggi. – Tò guarda qua – rispose Memmo mentre tirava fuori dalla tasca un pezzo di un vecchio giornale tutto sgualcito. – E che de’, nun ce vedo gnente de strano, c’è ‘n scarafone, ‘n prete, che bacia na’ mano a ‘n omo. Che c’è d’sagerato e preoccupante? – rispose sollevato Giggi. – Ma che non ce sbrillocchi, qui c’è no scarafone che bacia n’mano a n’omo comme noi. Aho da quanno so nato semo noi che baciammo le mani alli preti e no er contrario e questo me fa pensà che quarcosa è cambiato e nun me ne so’ accorto, mi moje nun m’ha detto gnente – così replicò Memmo all’amico Giggi. – Mo che mo dici m’è sembra stranno puro a me, forse o scarafone è scivolato giù pe’ tera e l’omo lo sta a tirà su’ – – Aho a tira su me sembri becalino, er prete lo sta a bacià se vede bene anche se sto pezzo de giornale è ciancicato. Da’ retta ame quarcosa è cambiato e nisciuno c’ha detto gnente. Ecco semo diventati gnoranti, nun semo informati ed io devo annà in parrocchia a chiede perchè er mio regazzino deve fa la communione e forse nun devo più annà in chiesa, ma da sti novi bon’omi – puntualizzò serio Memmo. – Ahò io vado a lavorà e nun m’è ntendo de relligione, faccio casa e bottega e nun c’ho tempo de legge sti giornali, che costeno puro un bell’ero. Mo vojo domanda puro a mi moje, essa và sempre en parrocchia – replicò sconsolato Giggi. – Ah mo’ stai a capi puro tu, securamente ce sarà stato n’ntro concilio e nun c’è ne semo accorti, così t’hanno santificato pure sti bon’omini comme quer vippete d’a provvidenza, t’e ricordi? Aho er monno s’aggiorna mica so comme noi che n’sapemo mai gnente. Oggi cambia tutto, prima e bollette der gasse e della luce se pagaveno solo alla posta, ora invece poi anna in banca o dar tabacchino, comme li ticchete della mutua. . . o no? – ammise con enfasi Memmo. – Me sé che ciai raggione amico mio, te svei la mattina e tutto è cambiato e noi nun cio sapemo, dovemo aggiornacce nun se po’ rimanè gnoranti tutta la vita e mo che ce penso me pare che puro le donne oggi possi dì messa. . . . semo n’mezzo a na rivoluzione e ce se perde la testa pe capì tutto er novo – – Hai capito comme stamo – aggiunse Memmo – e mo’ non so se er regazzino mio deve fa sta communione in parrocchia dalli preti o ner palazzo delli vippese, dai bon’ommini, sai li preti je danno solo l’ostia, li bon’ommini forse ie daranno puro er lavoro pe faticà sicuro n’domani, c’è da pensacce bene! – – Aho sai che te dico, mo t’accompagno n’parrocchia e domannamo ar prete come stanno ste cose nove , pecchè se ce pensamo noi se bruciamo er cervello e semo da capo a dodici e nun sapemo che fa e poi nun chiedemo gnente alle moje nostre così faremo bella figura – Concluse soddisfatto Memmo. – Annamo Memmo, nun famo tardi – disse Giggi allungando il passo e rimettendo in tasca il pezzo del vecchio giornale.


Il Partito dell’Amore

dicembre 27, 2009

Tutte le mattine Marco e Pippo si aspettano nel bar vicino alla fermata della metropolitana per prendersi il caffè prima di andare a lavorare. Pippo arrivò qualche minuto più tardi e trovò l’amico seduto all’interno del locale mentre sfogliava un quotidiano. – Eccome arrivato a Marco – , – aho c’è l’hai fatta a scenne dar letto, daie piamose sto’ caffè e annamo ch’è tardi – gli rispose Marco sollevando gli occhi dal giornale.
– A Pippo hai sentito la novità? Hanno rifatto er Partito dell’Ammore, c’è scritto sur giornale, così ci ammeremo tutti, bello no? –
– Dichi per davvero? E chi è sta santa persona, la vecchia zozzona? –
– A Marco dimme en do sta la sede, così ci annamo de nascosto de le moje. Ah finarmente anche noi se potemo divertì e dedicasse un po’ al sesso. O’ lo fanno tutti meno che noi, che ficata! – concluse d’impeto Pippo, mentre gli si accendeva il viso.
– A Pippo ma n’hai capito gnente -Come n’ho capito gnente? M’hai detto che c’è er partito novo dell’ammore, allora s’è iscrivemo puro noi no? –
-A Pippo ma che zozzona e zozzona, dentro sto partito mica se fa l’ammore e manco er sesso, c’è se vo’ bene e basta, come stà in paradiso – rispose stizzito Marco con l’aria di chi la sa lunga.Ma che me stai a cojonà, me dichi che c’è er partito de l’ammore dove c’è se vo bene, allora? Ma tu come voj bene a tu moje, dopo li bacetti te dai da fa no!
-Ma che da fa e ma che zozzona e poi che c’entra mi moje, stavo a dì che quarcuno stanco delle violenze ha voluto fa er partito dell’ammore, della pace come voi dì – insistette solenne Marco con un’accenno di rimprovero.
– Ma chi è stò fesso, un buciardo? Uno che cia paura delle donne o forse non conosce er bello della vita? – replicò Pippo stralunato.
– A Pippo è difficile raggionà co’ te. Tanto pe’ comincià, se ho letto bene, quello che ha fatto stò partito non è un fesso, anzi è un gran marpione e le donne se l’è fatte a raffica, dove annava ci aveva da fa e nun ci annava leggero. Puro le giovinette s’arendevano ar suo fascino de vecchio impenitente. – aggiunse seccato Marco.
– Ma allora che ammore è? – domando Pippo.
– Tu n’ha capito gnente, te lo stavo a spegà. In tv la sera non senti tutte què cose de violenza, de liti, de scervellati che se metteno a fa er far west pe’ gnente, puro a Razinger hanno spianato, è stata na’ matta dicheno, e allora questo bonomo ha voluto fa un partito dove nun se litiga, se parla, nun se crea odio né violenza. Lì ce se deve volè bene e tocca scansà li violenti, un nuovo modo de vive, aho vivemo in monno civile o no? E’ ora che se comportamo tutti bene ed io ce stò perché ce credo alla pace e poi semo a Nattale e quindi tocca esse boni –
Sentenziò Marco per chiudere la discussione, mentre posava il giornale.
– Vabbè ci avrai ragione, ma tu ce credi a sto benpensante? – aggiunse timidamente Pippo.
– Ma certo che ce credo, se no non avrei perso tempo a legge er giornale, e poi falla finita dubbiti de tutti e pensa ar Papa bono giù pe’ tera. E poi annamo a lavorà che se famo tardi er principale ce se fà un’artra vorta con quei strilli – concluse Marco avviandosi fuori dal bar seguito dall’amico che ancora rimuginava sul partito dell’Amore.


Solo per scherzare: Natività. . . .Venne senza visto

dicembre 21, 2009

25 Dicembre 2009
Oggigiorno, probabilmente, andrebbe così …

“Trovato neonato in una stalla – La polizia e i servizi sociali indagano” “Arrestati un falegname ed una minorenne”

BETLEMME, GIUDEA –
L’allarme è scattato nelle prime ore del mattino, grazie alla segnalazione di un comune cittadino che aveva scoperto una famiglia accampata in una stalla.

Al loro arrivo gli agenti di polizia, accompagnati da assistenti sociali, si sono trovati di fronte ad un neonato avvolto in uno scialle e depositato in una mangiatoia dalla madre, tale Maria H. di Nazareth, appena quattordicenne. Al tentativo della polizia e degli operatori sociali di far salire la madre e il bambino sui mezzi blindati delle forze dell’ordine, un uomo, successivamente identificato come Giuseppe H. di Nazareth, ha opposto resistenza, spalleggiato da alcuni pastori e tre stranieri presenti sul posto. Sia Giuseppe H. che i tre stranieri, risultati sprovvisti di documenti di identificazione e permesso di soggiorno, sono stati tratti in arresto.

Il Ministero degli Interni e la Guardia di Finanza stanno indagando per scoprire il Paese di provenienza dei tre clandestini. Secondo fonti di polizia i tre potrebbero infatti essere degli spacciatori internazionali, dato che erano in possesso di un ingente quantitativo d’oro e di sostanze presumibilmente illecite.
Nel corso del primo interrogatorio in questura gli arrestati hanno riferito di agire in nome di Dio, per cui non si escludono legami con Al Quaeda.
Le sostanze chimiche rinvenute sono state inviate al laboratorio per le analisi. La polizia mantiene uno stretto riserbo sul luogo in cui è stato portato il neonato. Si prevedono indagini lunghe e difficili.
Un breve comunicato stampa dei servizi sociali, diffuso in mattinata, si limita a rilevare che il padre del bambino è un adulto di mezza età, mentre la madre è ancora adolescente. Gli operatori si sono messi in contatto con le autorità di Nazareth per scoprire quale sia il rapporto tra i due. Nel frattempo, Maria H. è stata ricoverata presso l’ospedale di Betlemme e sottoposta a visite cliniche e psichiatriche.
Sul suo capo pende l’accusa di maltrattamento e tentativo di abbandono di minore. Gli inquirenti nutrono dubbi sullo stato di salute mentale della donna, che afferma di essere ancora vergine e di aver partorito il figlio di Dio. Il primario del reparto di Igiene mentale ha dichiarato oggi in conferenza stampa: “Non sta certo a me dire alla gente a cosa deve credere, ma se le convinzioni di una persona mettono a repentaglio – come in questo caso – la vita di un neonato, allora la persona in questione rappresenta un rischio sociale. Il fatto che sul posto non siano state rinvenute sostanze stupefacenti non migliora certo il quadro. Sono comunque certo che, se sottoposte ad adeguata terapia per un paio di anni, le persone coinvolte – compresi i tre presunti trafficanti di droga – potranno tornare ad inserirsi a pieno titolo nella società.” Pochi minuti fa si è sparsa la voce che anche i contadini presenti nella stalla potrebbero essere consumatori abituali di droghe.
Pare infatti che affermino di essere stati costretti a recarsi nella stalla da un uomo molto alto con una lunga veste bianca e due ali sulla schiena (!), il quale avrebbe loro imposto di festeggiare il neonato. Un portavoce della sezione antidroga della questura ha così commentato: “Gli effetti delle droghe a volte sono imprevedibili, ma si tratta senz’altro della scusa più assurda che io abbia mai sentito da parte di sospetti tossicodipendenti.”

Scherzi a parte. . . . . . .BUON NATALE A TUTTI.


Le ultime barzellette demenziali, che circolano nel web.

ottobre 19, 2009

Una donna che non riesce a raggiungere l’orgasmo quando fa l’amore col marito milanese, un giorno gli dice:vtg
“Caro, stanotte ho fatto un sogno incredibile, stavamo facendo l’amore e, sopra di noi, sull’armadio, c’era un uomo di colore con un ventaglio che sventolava e ciò mi ha fatto godere tanto!”
I due decidono di attuare il sogno, così escono e, ad un semaforo trovano un ragazzone di colore e gli offrono 100 Euro se accetta di sventolare un ventaglio da sopra l’armadio mentre loro fanno l’amore. Il tipo accetta e i tre corrono in camera da letto.
I due coniugi iniziano quindi a fare l’amore, mentre il ragazzo sventola il ventaglio da sopra l’armadio. Purtroppo nessun risultato.
La moglie,allora, dice al marito: “Forse bisognerebbe invertire le parti; tu vai sull’armadio e lui viene qui,ok?”
Il marito, sebbene perplesso, accetta. Il ragazzone nero entra nel letto e lui sale sull’armadio.
Poco dopo la donna urla di piacere in maniera impressionante e raggiunge un orgasmo devastante. Quando i due hanno finito, il marito scende dall’armadio e, rivolto verso il nero, gli dice:
“Uè…Pirla d’un negher, te vist’ come se fa a sventulà?!?”
——————————————————————–lettera di una mamma al figlio carabiniere:imagesCAHEUN6J
Caro figlio,
ti scrivo queste poche righe perchè tu sappia che ti ho scritto. Se ricevi questa lettera, vuol dire che è arrivata. Se non la ricevi, fammelo sapere, così te la rimanderò.
Scrivo lentamente perché so che tu non sai leggere in fretta.
Qualche tempo fa tuo padre ha letto sul giornale che la maggior parte degli incidenti capitano entro un raggio di un chilometro dal luogo di abitazione. Allora abbiamo deciso di traslocare un po’ più lontano.
La nuova casa è meravigliosa. C’è una lavatrice, ma non sono sicura che funzioni. Proprio ieri ci ho messo dentro il bucato, ho tirato l’acqua e poi il bucato è sparito completamente.
Il tempo qui non è troppo brutto. La settimana scorsa ha piovuto due volte: la prima volta per tre giorni e la seconda per quattro.
A proposito della giacca che mi avevi chiesto, tuo zio Piero mi ha detto che spedirtela coi bottoni sarebbe stato molto caro (per via del peso dei bottoni). Allora li ho staccati. Se pensi di riattaccarli, te li ho messi tutti nella tasca interna.
Tuo fratello Gianni ha fatto una grossa sciocchezza con la macchina: è sceso e ha chiuso di scatto la portiera lasciando dentro le chiavi. Allora è dovuto rientrare a casa a prendere il secondo mazzo di chiavi, e così anche noi abbiamo potuto scendere dalla macchina.
Se vedi Margherita salutala da parte mia. Se non la vedi, non dirle niente.
La tua mamma che ti vuole tanto bene!
P. S.: volevo metterti anche un po’ di soldi, ma avevo già chiuso la busta.


Quante Crisi ? Molte. . . .

giugno 28, 2009

bodyguardshi9    Vignetta%20sulla%20Borsa              

                                 AI0APD1CATLJ7HJCAX9SKE0CAPHVCBJCAGWOIWLCA0AQVVTCA3ZZ71DCAHCU0VCCA42JIVZCA3MQME9CAJWQQWHCATB3YOICAO3YEXVCAH7EXR0CA5MG6WTCAD414PKCAVGV49FCA6CTRUPCAFT8VRH