L’eroe ar caffè

febbraio 12, 2010

L’eroe ar caffè
Trilussa

È stato ar fronte,sì, ma cór pensiero,
però te dà le spiegazzioni esatte
de le battaje che nun ha mai fatte,
come ce fusse stato per davero.
Avressi da vedé come combatte
ne le trincee d’Aragno! Che gueriero!
Tre sere fa , pe’ prenne er Montenero,
ha rovesciato er cuccomo del latte!
Cór su’ sistema de combattimento
trova ch’è tutto facile: va a Pola,
entra a Trieste e te bombarda Trento.
Spiana li monti, sfonna, spara, ammazza…
– Per me – barbotta – c’è una strada sola…
E intigne li biscotti ne la tazza.


La Cornacchia libberale.

giugno 6, 2009
Una Cornacchia nera come un tizzo,
nata e cresciuta drento 'na chiesola,
siccome je pijò lo schiribbizzo
de fa' la libberale e d'uscì sola,
s'infarinò le penne e scappò via
dar finestrino de la sacrestia.

Ammalappena se trovò per aria
coll'ale aperte in faccia a la natura,
sentì quant'era bella e necessaria
la vera libbertà senza tintura:
l'intese così bene che je venne
come un rimorso e se sgrullò le penne.

Naturalmente, doppo la sgrullata,
metà della farina se n'agnede,
ma la metà rimase appiccicata
come una prova de la malafede.
Oh! - disse allora - Mó l'ho fatta bella!
So' bianca e nera come un purcinella...

E se resti così farai furore:
je disse un Merlo - forse te diranno
che sei l'ucello d'un conservatore,
ma nun te crede che te faccia danno:
la mezza tinta adesso va de moda
puro fra l'animali senza coda.

Oggi che la coscenza nazzionale
s'adatta a le finzioni de la vita,
oggi ch'er prete è mezzo libberale
e el libberale è mezzo gesuita,
se resti mezza bianca e mezza nera
vedrai che t'assicuri la cariera.
Trilussa.A8DACMYCAG6CQN5CAY9W3PMCA0KU1JJCANOFGFQCAH9E13LCAZV2QBCCA881O29CAI2U4K8CA3V3R5UCABBO1C2CAFLOAR3CA8EH1VCCAISF45HCAWLWT0RCASAO066CASBDXA6CA1ANV1VCAAR3NZO

Er Re ‘mbriaco (by anonimo).

febbraio 20, 2009

 

 

Bè ce sei riuscito

a da esse quasi un re!

Li sordi, le ricchezze te ce’ fanno,

ma li monarchi, quelli veri,

oltre li tesori c’hanno un regno         axplzubcao80yafca88ltj8ca9wdhpncaammffcca261a5acac3zoiscaxozsfmcapef513cao32unlcat7wxryca3k19e8cagkqy4jcanpp4uecaiafcxicavb31rvca8hwbbmcaq23c4yca1j42xe

con tutta la plebe che li osanna

e li benedice per il senno dritto.

Tu pure sei osannato,

ma non dal popolo,

solo dalli tuoi cortigiani prezzolati,

che a suon di mojne, piano piano

te consumeno a’ simpatia

ed il sonante metallo

e nun t’o dicheno che anch’essi,

data a’situazione, se sentono

un po’ regali. . . com’ a te.

La banda sonerà a festa

finchè, tu ebro de te stessso,

non t’accorgi de tale inganno,

ma er giorno che n’inciampo

te farà toccà la tera,

saranno proprio li

cortigiani tua a limitare

er tuo risollevarsi

e tutte quelle freschette

che t’hanno fatto crede

d’esse un superomo, te gireranno

er viso dicenno in giro

che li favori che vantavi

dav’è preso ereno solo

fantasie d’un vecchio parolaio.

Quindi smetti la mojna de monarca

e si come n’omo de popolo.

Ferma l’arroganza e la protervia

e sì giusto e ringrazia er Signore

pe’ la situazione che t’ha dato

e smetti d’nbriacarti de te stesso               xgolaacaiza5lgcanios3kcaf1855acabqmxnica1624ybcars8d8zca8did90ca16q67wcax9lt1xcak06e73catpr9f7ca5h93wicakd86tecae8s1g1ca6gwd6ecamli8odcavvqyjacatqoqrp

tanto o mò o fra un pizzico d’e tempo

la sbornia finirà, così puro le fregnacce varie.

Scaja fora le qualità,

li difetti so’ nemichi.